Categoria: Fonti

Le fonti di informazione di emergenzaclimatica.it

n.949: “L’intensificazione delle tracce di tempesta invernale a media latitudine nell’emisfero australe” di Rei Chemke,Yi Ming e Janni Yuval

La forza delle tracce di tempesta a media latitudine modella i fenomeni meteorologici e climatici negli extratropicali, poiché queste tracce di tempesta controllano la variabilità giornaliera o multidecennale di precipitazioni, temperatura e venti. Entro la fine di questo secolo, si prevede che le tempeste invernali alle medie latitudini si intensificheranno nell’emisfero australe, con grandi conseguenze sull’intero extratropicale. Pertanto, è...

n. 458 uno studio identifica l’inquinamento dell’aria

Dall’inizio del secolo, le morti globali attribuibili all’inquinamento atmosferico sono aumentate di oltre la metà, uno sviluppo che secondo i ricercatori sottolinea l’impatto dell’inquinamento come la “più grande minaccia esistenziale per la salute umana e planetaria”. I risultati, parte di uno studio pubblicato martedì su The Lancet Planetary Health, hanno rilevato che l’inquinamento è stato responsabile di...

N.948: “Quando le buone pratiche sono solo apparenza: greenwashing e fake”.

Greenwashing e protezione: come si difendono l’Italia, l’Europa e il mondo. Legislazione a confronto nel primo rapporto sul greenwashing di Circonomia. Sostenibilità, attenzione all’ambiente ed eco-friendly sono ornai diventate le parole d’ordine di imprese e pubblicità. Ma è sempre così?  Il dossier “L’ecologia delle Parole, tra transizione ecologica e greenwashing” elaborato da Circonomia e presentato oggi nel corso...

N.457: “I bambini nati oggi sperimenteranno da 3 a 4 volte più eventi climatici estremi dei loro nonni”.

Aprendo il  7th Global Platform for Disaster Risk Reduction (GPDRR) in corso a Bali, in Indonesia, la vicesegretaria generale dell’Onu, Amina Mohammed. Ha avvertito: «A meno che i Paesi non intensifichino l’azione di prevenzione e riduzione dei rischi, il mondo subirà 1,5 disastri di medie e grandi dimensioni ogni giorno fino alla fine del decennio. Durante il...

N.947: New study offers a glimmer of hope for climate solutions success by DANA NUCCITELLI.

La ricerca sulla c.d. “incorporazione dei feedback sociali e giuridici” è sempre più diffusa nell’indagine scientifca sulle politiche di contrasto all’emergenza climatica. Essa lascia intravedere quanto più vantaggioso e risolutivo sia un approccio integrato alla conoscenza degli ostacoli che noi stessi frapponiano alle soluzioni sull’emergenza e alimentano un cauto ottimismo.Il problema, tuttavia, resta e riguarda il poco...

n.456 L’URGENZA DI PARLARE DI LOSS&DAMAGE

A poco più di sei mesi dalla chiusura di COP26, i governi del mondo si preparano a tornare nell’arena globale del clima per i negoziati intermedi del 2022, che prepareranno la COP27 di Sharm El Sheikh prevista per novembre 2022. Gli intermedi si terranno come ogni anno a Bonn, in Germania, dove ha sede il Segretariato ONU che...

N.359: “Gli investitori di ExxonMobil spingono per l’audit sulla transizione dei combustibili fossili”.

Mercoledì gli azionisti di ExxonMobil hanno sostenuto una misura che invita la compagnia petrolifera a illustrare in che modo un rapido allontanamento globale dai combustibili fossili influenzerebbe le sue finanze. Il voto, sostenuto dal 52% degli azionisti, segna un’altra vittoria degli attivisti per il clima contro la compagnia petrolifera più preziosa d’America, un anno dopo che un...

N.945: “Finanziare la conservazione valorizzando i servizi di carbonio prodotti dagli animali selvatici” di Fabio Berzaghi.

Il coinvolgimento dei mercati finanziari è fondamentale per fornire soluzioni efficaci e durature per mitigare i cambiamenti climatici e invertire la perdita di biodiversità. Tuttavia, i mercati finanziari non hanno investito in servizi ecosistemici perché spesso questi sono valutati in base a prezzi non di mercato, che scoraggiano gli investimenti. Sulla base dei prezzi di mercato del carbonio esistenti,...